Sudorazione notturna, quali sono le cause

La sudorazione notturna è un evento fastidioso che può causare conseguenze a lungo termine in quanto compromette la qualità del sonno. Dal punto di vista clinico, al netto di eventuali patologie, è possibile fare ben poco. Discorso diverso per le condizioni di contorno, che possono compensare una eccessiva sudorazione notturna e in alcuni casi persino scongiurarla.

Ne parliamo qua, fornendo una panoramica del fenomeno e offrendo qualche consiglio per farvi fronte, con esplicito riferimento ai più piccoli che, come vedremo, ne soffrono più spesso.

Perché la sudorazione notturna

La sudorazione è un meccanismo fondamentale per l’essere umano. E’ infatti lo strumento principale della termoregolazione: quando l’organismo rischia di surriscaldarsi, le ghiandole sudoripare secernono sudore, che altro non è che acqua mista a sali minerali. In questo modo, la superficie del corpo viene raffreddata, e ciò genera un effetto anche internamente.

Ovviamente, si suda quando fa caldo, questa è una banalità. Ma la sudorazione può scattare anche in casi meno ordinari, come gli episodi di stress acuto e la presenza di determinate patologie. Può scattare anche quando il sistema di termoregolazione è fisiologicamente poco efficiente. E’ il caso dei bambini, soprattutto in età prescolare. Le ghiandole sudoripare sono meno efficienti che negli adulti, e quindi può capitare di assistere a eventi di sudorazione intensa. Ciò capita soprattutto durante le ore notturne.

Certo, si segnalano anche cause patologiche o semi-patologiche. Il riferimento è al pavor nocturnus, una sindrome che causa risvegli frequenti, sono estremamente agitati e momenti di veglia caratterizzati da sentimenti di paura e ansia intensa. Tutte condizioni che innescano la sudorazione.

Ovviamente, a incidere è anche una cattiva predisposizione della camera da letto. Se è poco areata e caratterizzata da una temperatura troppo elevata, il rischio di andare incontro a sudorazione intensa aumenta. Anche le lenzuola, il materasso, i vestiti e la biancheria possono favorire la sudorazione. Ciò capita quando i tessuti sono poco traspiranti, e causano quindi un aumento della temperatura corporea.

Come sconfiggere la sudorazione notturna

Il primo consiglio da seguire è indagare la presenza di eventuali cause patologiche. Se la sudorazione notturna è davvero eccessiva, e mette a repentaglio non solo la sua qualità del sonno ma anche la stessa possibilità di dormire, allora potrebbe agire in sottotraccia un fattore patologico. La questione assume una importanza particolare soprattutto per i bambini, che hanno bisogno di molto sonno e di qualità, e che purtroppo vanno spesso incontro a episodi di sudorazione notturna.

Una volta escluse le cause patologiche, è necessario agire sull’esistente, ovvero sulle condizioni della camera da letto. Vale la pena installare condizionatori e ventilatori? Dipende: potrebbero cagionare alcuni effetti spiacevoli, che riguardano il tratto respiratorio superiore. Di certo, è necessario garantire il ricambio dell’aria all’interno della stanza, lasciando le finestre aperte per qualche tempo.

Infine, occorre intervenire sui tessuti a contatto con la pelle del bambino. I pigiamini e/o magliette e pantaloncini devono essere se possibile di cotone, che è per natura molto fresco e traspirante. Tessuti sintetici, per quanto all’apparenza più leggeri, possono interagire malamente con la cute scatenando episodi di sudorazione.

Ovviamente, grande importanza va conferita alle lenzuola e al cuscino. Di nuovo, i materiali devono essere traspiranti, lisci e privi di interlacciature.

Infine, il materasso. Esattamente, anche il materasso può impattare sulla sudorazione. Ne parliamo nel prossimo paragrafo.

Un rimedio semplice e veloce

Ovviamente, il materasso non è a stretto contatto con il corpo. Tuttavia, alcune tipologie all’apparenza d’avanguardia, soprattutto lato articolare, possono causare qualche problema. Il riferimento è soprattutto al materasso memory foam. Genera un particolare sollievo per la schiena, prevenendo disturbi e dolori, ma ha il difetto di “avvolgere” il corpo, impattando negativamente sulla traspirazione. Ciò, a sua volta, causa un aumento della sudorazione notturna.

Per fortuna esiste una soluzione. Stiamo parlando del materasso Switch, che contribuisce a diminuire la sudorazione notturna nei bambini e negli adulti.

E’ un materasso realizzato, tra le altre cose, con l’innovativo tessuto certificato OEKO TEX STANDARD 100, una sorta di cotone organico che garantisce la massima traspirazione. Inoltre, fa a meno del meccanismo Memory Foam, dunque evita di “avvolgere” il corpo. Ciononostante è molto comodo e si adatta alla conformazione della colonna vertebrale.

Il materasso Switch si pone dunque come risorsa a portata di mano, implementabile sempre e comunque.

 

Shopping online, tantissimi vantaggi

Sono tantissimi i vantaggi di acquistare facendo shopping online. Per questo motivo sempre più persone si affidano al web per cercare i loro prodotti preferiti avendo sempre sott’occhio le ultime novità. Fare acquisti online è semplicissimo, molto più facile di recarsi fisicamente in negozio e attendere lungo tempo di fronte alle casse. Sia a livello ambientale che personale, lo shopping online è la frontiera del futuro. In questo articolo vediamo il perché.

Semplicità

Senza ombra di dubbio, uno dei motivi per cui fare shopping online è meglio di recarsi per forza in un negozio fisico è la semplicità di acquistare in questa maniera è facile, perché trovi tutto quello che vuoi quando vuoi e come vuoi. Gli strumenti digitali che utilizziamo quotidianamente ci permettono infatti anche di fare la spesa e comprare tutto quello di cui abbiamo bisogno. Lo shopping online funziona perché semplice, veloce e soprattutto puoi farlo ogni volta che vuoi.

Esattamente come in un supermercato potrai inserire nel tuo carrello tutti i prodotti che desideri. E se hai qualche ripensamento potrai toglierli senza nessun problema finché non sei convinto. Uno dei vantaggi dello shopping online è appunto la tranquillità e la calma grazie alla quale ti puoi prendere tutto il tempo necessario per fare degli acquisti pensati e che ti soddisfano davvero.

Scegliere senza limiti

Lo shopping online permette al consumatore di scegliere tra una quantità infinita di prodotti che possono essere elettronica, libri, ma anche arredamento e abbigliamento. Sul web sono reperibili tutti gli articoli possibili a seconda delle esigenze personali. Fare shopping online ti permette di non spostarti e allo stesso tempo avere sottomano uno dei più grandi centri commerciali del mondo.

Online puoi fare anche la spesa, esistono infatti tantissimi supermercati virtuali dove puoi scegliere tutto quello che ti serve e poi ritirarlo in negozio oppure farlo consegnare direttamente a casa. Comprare online e facile, non avrai nessuno che ti metterà pressione durante la scelta del tuo capo preferito, ti puoi sentire libero di comprare quello che desideri senza ripensamenti. Sono inoltre sempre attivi i servizi di assistenza per chiarire ogni dubbio o domanda. Insomma, hai tutto l’aiuto di cui hai bisogno senza nessuna fretta.

Prodotti di ogni tipo

A volte capita di essere a casa seduti comodamente sul proprio divano e ricordarsi di aver proprio bisogno di quella cosa che magari si trova a chilometri di distanza… Niente paura esistono siti come Shopandsave.it che permettono di avere qualsiasi cosa si desidera a portata di mano, specialmente prodotti elettronici che sono spesso difficili da reperire anche nei normali supermercati. Acquistando online troverai i prezzi resistibili perché non ci sono i costi di gestione molto elevati che invece si trovano nei normali negozi fisici. Tramite il sito Internet i prodotti costeranno molto meno, inoltre troverai delle fantastiche offerte pensato apposta per i clienti più affezionati, quale modo migliore per aumentare il proprio risparmio?

Acquistare online è il futuro, non devi fare nessuna fila per l’acquisto, non devi per forza prendere la macchina e sprecare benzina per recarti ad acquistare un semplice prodotto, puoi trovare diverse offerte pensate a posta per te. Ma i vantaggi non sono finiti qui, puoi acquistare immediatamente tutti i prodotti elettronici e digitali che ti servono, senza limiti e condizioni di spazio. Comprare online e facile, veloce e poi personalizzare il tuo acquisto che è costruito apposta per te. Non devi gestire i contanti e le transazioni sono facili e sicure. Lo shopping online è il futuro perché ti permette anche di monitorare la spedizione del tuo prodotto in tempo reale, in modo tale che saprai quando arriverà e dove si trova in ogni momento. Questa tipologia di shopping consente anche di risparmiare per via della riduzione dei costi del personale, ma non solo, aiuta anche l’ambiente perché in questo modo ci saranno meno spostamenti e meno inquinamento. Insomma, viva lo shopping online.

I migliori 3 strumenti SEO per analizzare la SEO di un sito web

Che la SEO svolga un ruolo fondamentale nel garantire la visibilità di un determinato sito o realtà web è fatto ormai noto, ma non sempre, soprattutto se si è agli inizi, si sa bene come padroneggiarla appieno per i propri scopi.

Indicizzazione, ottimizzazione e posizionamento sono i 3 capisaldi su cui essenzialmente si basa il successo di ogni sito, forum o blog, ecco perché è importante comprendere quali siano i migliori tool disponibili sul mercato per analizzare e possibilmente migliorare la SEO della propria realtà web.

I 3 migliori strumenti SEO

Google Analytics

Google Analytics è forse lo strumento SEO più conosciuto e utilizzato, anche in virtù del fatto che si tratta di un tool completamente gratuito.

Tool SEO realizzato e messo a disposizione da Google stesso, Google Analytics si caratterizza per l’estrema versatilità operativa e per una completezza funzionale davvero in grado di sapere rispondere alle esigenze SEO più disparate tanto del blogger amatoriale quando del professionista affermato del settore.

La stessa interfaccia iniziale è molto user friendly e dopo l’accesso iniziale alla piattaforma che può essere effettuato semplicemente tramite il proprio account Google, sarà già possibile ottenere un’analisi approfondita sul traffico di un sito.

Numero dei visitatori, tempo di permanenza su una determinata pagina, dispositivi utilizzati, monitoraggio attivo delle varie metriche, stima precisa delle pagine più performanti, analisi delle criticità riscontrate e degli aspetti migliorabili, sono solo alcuni dei fattori presi in considerazione da Google Analytics che si conferma essere quindi uno degli strumenti SEO più affidabili e preziosi.

Semrush

Semrush è un tool di analisi SEO del tutto gratuito, una delle soluzioni più apprezzate dagli utenti nonché una delle prime alternative a Google Analytics sia in termini di usabilità operativa sia di completezza e versatilità funzionale.

Una delle sue funzionalità più peculiari è quella denominata Dominio vs Dominio, mediante cui analizzare i siti web dei competitor al fine di individuare una propria nicchia di destinazione e conseguentemente incrementare il traffico e la viralità stessa del sito.

Interessante in tal senso anche la funzione che consente di monitorare attivamente l’andamento di traffico degli ultimi 12 mesi di una determinata keyword al fine di indicizzare e posizionare meglio il proprio sito.

Infine, degno di nota risulta essere lo strumento On-page SEO Chercker tramite cui accertarsi di tutte le classifiche e le analisi riguardanti il proprio sito web, come quelle relativo al traffico e alle visualizzazioni, e al contempo individuare gli aspetti migliorabili così da spiccare sui numerosi competitor.

In generale si sta parlando di uno degli strumenti di analisi SEO più completi e funzionali presenti sul mercato. Il fatto poi che sia totalmente gratuito rappresenta un vantaggio non da poco considerando la grande varietà di funzioni offerte.

SEO Zoom

SEO Zoom è l’esempio più lampante di strumento per analizzare la SEO di un sito web in grado di coniugare alla perfezione ricchezza di funzioni e potenza operativa.

Parliamo, infatti, di un tool tra i più apprezzati dai SEO specialist poiché consente di effettuare delle analisi molto approfondite mediante cui monitorare sia le performance del proprio sito sia quelle dei competitor.

Da un punto di vista delle funzioni di base, infatti, SEO Zoom può considerarsi come una delle prime alternative al già citato tool Semrush, tuttavia a differenza di quest’ultimo può vantare un database proprietario di keyword italiane a cui attingere per individuare in ogni occasione la parola chiave che possa fare al caso proprio.

La sua interfaccia è estremamente chiara, così come l’esecuzione delle funzioni di base. Discorso differente, invece, per le funzioni più avanzate che, come si può facilmente intuire, richiedono una certa dimestichezza e conoscenza del settore e comunque sia sono per lo più appannaggio di SEO specialist o comunque sia utenti avanzati.

Più che un tool è più corretto definirlo come una suite completa, una SEO suite, che è possibile sfruttare in versione gratuita se ci si vuole accontentare delle funzioni basiche o in modalità sottoscrizione di un abbonamento laddove si abbia bisogno di servirsi di funzioni più settoriali.

Consulenza SEO, cos’è e a chi rivolgersi per ottenere risultati

SEO, una descrizione generale

Col termine SEO (search engine optimization) si indicano tutte quelle operazioni che vengono svolte da un professionista del web per ottimizzare la ricerca di un sito o di un blog. Attraverso di esse il contenuto viene quindi indicizzato e posizionato nei primi posti dai motori di ricerca (ovvero nelle SERP, gli elenchi risultanti dalle ricerche su Google).

Tutte le tecniche SEO servono ad aumentare il volume di traffico nel sito attraverso il ranking. Più si è posizionati in alto nel motore di ricerca (si appare nella prima pagina), più sarà facile venire cliccati.

L'attività SEO può essere svolta on page, cioè direttamente sul contenuto della pagina web, con tag e keywords appropriate che devono essere sempre originali e mai copiate, oppure off page. L'attività SEO off page riguarda la gestione di tutti gli elementi esterni al sito, come ad esempio la generazione di link diretti da altre pagine. In particolare il SEO off page mira a creare link in entrata da fonti autorevoli, rendendo i contenuti più attraenti anche per i siti di settore.

A cosa serve l'attività SEO

Chi cerca qualcosa su Internet, generalmente si serve di Google. Non essere indicizzati sul principale motore di ricerca significa non esistere, al giorno d'oggi.
Un sito però ha bisogno anche di un'architettura stabile, che oltre a seguire le linee guida di Google, sia progettato in modo da garantire la massima visibilità. Tutto questo è possibile solo grazie a un buon lavoro SEO.

Nel caso di siti e-commerce, l'attività SEO serve a gestire la catalogazione della merce e promuoverla con advertising ad hoc posizionato in modo da risultare allettante, per far sì che le visite diventino vendite.
SEO significa anche riuscire a fare brand awareness e migliorare la reputazione di un marchio o di un sito attraverso strategie precise che ne accrescono il valore e ne consolidino la presenza sul web.

Chi è il consulente SEO e perchè rivolgersi a un esperto SEO

É chiaro che svolgere da soli tutta l'attività SEO è impensabile se non si ha una certa padronanza degli strumenti informatici essenziali per farlo.
Basti pensare che molta dell'attività SEO si occupa della struttura interna del sito, cioè dell'ossatura stessa delle pagine, per cui è necessario avere un minimo di dimestichezza con la programmazione e la manipolazione dei codici sorgente.
Per questo motivo è bene affidarsi ad un esperto competente in grado di erogare un servizio di consulenza SEO realmente efficace e utile per il cliente.

Il consulente SEO è una figura professionale che non solo si occupa della gestione delle pagine per l'indicizzazione, ma elabora una strategia a lungo termine per far sì che il sito sia sempre posizionato nel migliore dei modi.
Un buon lavoro SEO infatti deve essere continuativo, e un esperto saprà come aggiornare le pagine in modo che il sito sia sempre posizionato nelle SERP, permettendo ai potenziali clienti e lettori di trovarlo subito, appena ne hanno bisogno.
Una parte dell'attività SEO è dedicata al puro copywriting (SEO copywriting), cioè la creazione di contenuti aggiornati, accattivanti, che siano utili e rilevanti per l'utente.

Essere ai primi posti è quindi un modo indiretto di aumentare la Brand reputation e acquisire sempre più valore, incrementando la fetta di utilizzatori (e magari avere anche il tanto agognato traffico di ritorno).
Fare web marketing senza SEO è quindi impossibile, le due cose sono strettamente connesse e solamente una persona competente è in grado di farlo nel modo giusto.

Lavorazione metalli: i metodi moderni

La lavorazione metalli è profondamente cambiata dalla sua scoperta a oggi. Dall’intuizione iniziale alle pratiche attualmente messe in campo in questo ambito è passato un mondo intero, un’evoluzione difficile da raccontare che, soltanto negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante rispetto all’immediato passato.

Apparentemente una frase fatta, in realtà non lo è. Se pensiamo, per esempio, alle finiture dei prodotti metallici – e non solo, peraltro – le caratteristiche delle lavorazioni in PVD sono del tutto differenti rispetto a ciò che c’era prima, e tuttora resiste come alternativa alla prima citata.

Si tratta, insomma, di un concetto del tutto nuovo nella rifinitura degli oggetti, una modalità più efficace delle precedenti e, al contempo, competitiva per prezzi e tempistiche, che non teme rivali e che può ragionevolmente essere applicata ai più svariati oggetti si intendano preservare dal passaggio del tempo, dagli agenti atmosferici, dalle sollecitazioni dell’ambiente circostante.

Pensare al PVD, questo l’assunto, significa operare in un contesto di assoluta modernità, ragionando a ciò che esiste di meglio sul mercato attuale. Finiture e rivestimenti d’impatto, capaci di essere d’aiuto in una miriade di settori produttivi.

L’applicazione delle lavorazioni in PVD

Il settore della lavorazione metalli è molto esteso. Lo stesso, infatti, comprende molte differenti azioni utili a che l’oggetto realizzato sia protetto nel suo utilizzo successivo e, dunque, non deperisca, o si rovini, in un tempo troppo ristretto per essere considerato accettabile dai compratori di turno.

Il mantenimento delle sue caratteristiche, del resto, è l’obiettivo atteso non soltanto di chi produce qualcosa, ma anche – e soprattutto – di coloro che quel qualcosa l’hanno acquistato e, di conseguenza, vorrebbero non doverlo cambiare, o certamente non vederlo perdere le caratteristiche estetico-funzionali per cui è stato scelto.

Se, per lo meno da una sommaria valutazione del comparto, sintetizzare cosa sia la lavorazione metalli è uno sforzo tutto sommato semplice, addentrandosi invece nelle peculiarità di queste attività si scoprono passaggi magari ai più poco noti, ma fondamentali affinché il risultato finale sia quello che si è immaginato all’inizio della produzione.

Finiture e rivestimenti, in questo contesto, sono elementi fondamentali. Lo sono perché rappresentano l’ultimo passaggio prima dell’approdo sul mercato; lo sono, a maggior ragione, perché dalla loro buona o cattiva uscita ne guadagna o ne perde il prodotto oggetto d’attenzione.

Non si può, insomma, sottovalutare l’importanza di agire bene in questo contesto; non si deve, ed è naturale tornarci su, lesinare efficacia arrivati a questo ultimo, determinante, passo.

Tanti ambiti in cui la lavorazione metalli è decisiva

Un paio d’occhiali, una maniglia e un rubinetto. Oggetti differenti, come è differente lo scopo cui si vuole giungere attraverso di loro, funzioni che nulla hanno apparentemente a che vedere l’una con l’altra, al punto da non lasciar trasparire alcun legame reciproco.

Qualcosa che li unisce, invece, c’è. I prodotti in questione, al di là dell’utilizzo che se ne fa, sono tutti realizzati con metalli. Ne consegue, quindi, che la lavorazione metalli è un plus per coloro che li producono e che, di conseguenza, vorrebbero offrire alla clientela le migliori soluzioni disponibili.

Le lavorazioni PVD, lo sanno bene gli esperti del settore, garantiscono una protezione superiore ad altre finiture e rifiniture, una differenza sostanziale che si accompagna alla duttilità del ciclo di lavorazione, a tutto vantaggio dell’oggetto che si intende sottoporre al trattamento finale prima della messa in vendita.

Dalla moda alla nautica, gli ambiti di intervento sono tali e tanti da spaziare nel ciclo produttivo di numerosissime aziende. Avere un riferimento certo su cui contare, partendo da questa consapevolezza, è il miglior viatico ci sia per giungere, davvero, a una produzione di qualità.

Decisiva la scelta del miglior rifinitore

Scegliere il fornitore di un servizio delicato e decisivo come quello della lavorazione metalli non è, con rispetto scrivendo, come decidere il miglior metodo per traslocare un’abitazione o un ufficio. Nel primo caso, infatti, una valutazione non azzeccata finirebbe per mettere in discussione la produzione effettuata, con indubbi riflessi sulla credibilità della nostra azienda e, a quel punto, perfino sulla tenuta della stessa.

Consci di quanto la reputazione sia fondamentale, il prodotto metallico che si vuole commercializzare non può sottostare al dubbio che le finiture non siano state fatte a dovere. Essenziale, insomma, sarà garantirsi il miglior partner possibile, una ricerca decisiva per impreziosire il nostro oggetto e non, invece, fargli perdere appeal proprio sul più bello.

 

Macchinette del caffè: quali sono le marche migliori

Chi la mattina non si vorrebbe alzare con il profumo del caffè caldo e buono come quello del bar. Le macchinette con più accessori permettono di scegliere tra un buon caffè lungo o uno espresso, tra differenti aromi e gradi di macinazione. Alcune macchinette consentono anche di preparare del tè o della cioccolata calda o semplicemente riscaldare dell'acqua calda per una tisana o un infuso.

Vediamo ora quali sono le migliori macchinette del caffè nel mercato.

La macchina per il caffè De'Longhi EC

La macchina per il caffè De'Longhi EC è perfetta per fare caffè espressi e cappuccini densi e corposi (Cappuccino System), permettendo di prepararli anche 2 per volta. L'acqua viene raccolta in un contenitore con una capienza di un litro, facilmente regolabile grazie al colore trasparente che permette di controllare il livello dell'acqua quotidianamente. La macchinetta è dotata del sistema di spegnimento automatico che si attiva dopo 9 minuti di non utilizzo.
Misura 22 x 27 x 32 centimetri;
Motore con potenza di 1.050 watt e una pompa da 15 bar.
Capienza: 1 litro

Ariete Espresso Vintage

Ariete Espresso Vintage vanta di un design elegante, dotata di un display che permette un facile utilizzo. Una macchinetta che risulta essere perfetta per lavorare il caffè in polvere ma anche quello in cialda con una caldaia in alluminio da 900 watt e una pompa da 15 bar di pressione. Sono proprio queste caratteristiche che permettono di avere dei caffè corposi e cremosi con un forte profumo dolce e fragrante. È presente un vassoio raccogligocce estraibile in acciaio, che consente una pulizia immediata dello strumento.
Misura 23 x 28 x 31 centimetri
Capienza di 0,9.

Bialetti Smart

Bialetti Smart è una macchinetta del caffè performante ed ergonomica ma anche funzionale ed economica, compatibile con le capsule di caffè e tè vendute dallo stesso produttore. Dotata di una caldaia da 1200 watt e una pompa da 20 bar. Presente è anche una leva per auto esplusione delle capsule. Con questa macchina si avrà sempre un caffè caldo come al bar grazie al sistema thermoblock. Risulta essere ergonomica a causa della sua forma compatta, misura infatti solo 35 x 26 x 16 centimetri. È presente un sistema per il risparmio energetico, con il quale la macchinetta del caffè si spegne automaticamente dopo 10 minuti di inutilizzo. Contenitore dell'acqua ha una capienza di 0,6 lt.

La macchina per il caffè Frog

La macchina per il caffè Frog è provvista di termoblocco in alluminio e di un sistema di decalcificazione veloce. Questo permette di avere una pulizia molto rapida e un caffè caldo quotidianamente. Questa macchinetta è compatibile con caffè, tè o cioccolata calda in cialde. Dotata di un serbatoio con una capienza massima di 1 litro. Il motore ha una potenza di 650 watt. L'intero dispositivo risulta essere molto pratico e leggero grazie alle sue piccole dimensioni che permettono di spostarlo con facilità.
Misure: 40,9 x 34,3 x 22,1 centimetri
Capienza: 1 litro
Disponibile in vari colori

Grangaggia Style

Grangaggia Style è una macchinetta per il caff* che prende parte alla collezione del marchio Gaggia. Essa risulta essere perfetta per preparare un ottimo caffè tradizionale, grazie anche all'acciaio inox che la caratterizza. È presente una coppa portafiltro. Dotata di un motore a 950 watt e la pompa arriva ad una pressione di 15 bar. La macchinetta, grazie allo spegnimento automatico, cesserà di funzionare dopo 9 minuti di inutilizzo. Lo stand-by è segnalato da luci. Molto utile risulta essere la possibilità di preparare due caffè contemporaneamente.
Capienza: 1 litro.
Misura: 20 x 26,5 x 29,7 centimetri.

Come addobbare la casa quando nasce un bambino?

L'arrivo di un bambino è probabilmente l'esperienza più emozionante per un'intera famiglia. Per i genitori, fratellini o le sorelline, i nonni e tutti i parenti. Dopo 9 mesi, quando il nuovo componente della famiglia arriva a casa, è giusto accogliere lui e la mamma con una festa grande che possa essere di buon auspicio per una vita ricca di soddisfazioni.
Che tu abbia una casa grande o un piccolo appartamento è essenziale creare il migliore allestimento per l'evento. Un allestimento colorato e frizzante, durante il quale scattare qualche bella foto che rimarrà sia nell'album dei ricordi che nel cuore di ognuno dei partecipanti.
Vediamo dunque cosa acquistare e cosa fare per fare migliori allestimenti per eventi in caso di un nuovo nato!

Fiori per il bambino/a e per la madre

Il regalo floreale è sempre gradito, in questo caso inoltre , i fiori assumono anche un significato particolare, in quanto si possono regalare gigli bianchi (che simboleggiano la purezza) e sono indicati sia per un maschietto che per una femminuccia. Una pianta di orchidea, se non si vogliono regalare fiori recisi, in questo caso si possono prendere boccioli con tonalità di azzurro per il maschio e rosa/fucsia per la femmina.
Sempre per evitare di regalare fiori recisi, è possibile regalare una gardenia, che simboleggia la gentilezza e l'eleganza della mamma.

Fiocco rosa o azzurro

Per il fiocco da appendere alla porta d'ingresso un'idea originale è sicuramente quella di ordinare un fiocco artigianale realizzato con l'uncinetto. Di colore rosa o azzurro, con un piccolo pupazzetto cucito al centro. Un'idea per distinguersi e per avere un fiocco originale che può essere conservato come ricordo di un momento magico. Sicuramente le amiche invidieranno la mamma del neonato per avere un accessorio per l'allestimento del party così innovativo e personalizzato.

Palloncini e striscioni colorati

Nella cameretta del bimbo sono d'obbligo palloncini colorati. Sui principali store online si possono trovare anche palloncini personalizzati col nome del piccolo nato. Sono anche molto scenografici i palloncini giganti, trasparenti, pieni di coriandoli del colore azzurro o rosa oppure quelli pieni di piume. In questo caso ovviamente vanno gonfiati con gas, quindi consiglio assolutamente anche l'acquisto di una bombola di elio.
Sempre per quanto riguarda la camera del bambino non può mancare lo striscione colorato con la scritta benvenuto o welcome at home.
Anche in questo caso sia nei negozi fisici che negli store online puoi trovare tantissime tipologie da abbinare ai colori della tua casa.

Tavolo per i regali

In una zona un pò defilata della camera, per evitare che fratellini o cuginetti possano fare disastri, è bene allestire un tavolo con una tovaglia in raso azzurro o rosa in modo che gli invitati all'evento possano appoggiare il proprio regalo. Sopra il tavolo sarà possibile mettere il vaso con in fiori che verranno donati alla mamma e al piccolo.

Piccolo regalo per gli invitati all'evento

Se siete convinti di aver realizzato il miglior addobbo per un evento di questo genere, non dovete cadere sul finale e lasciar andare a casa i vostri ospiti a mani vuote.
E' infatti importante regalare un piccolo ricordo della giornata. Per le bomboniere le scelte possono essere due: o ci si orienta su una bomboniera solidale, in modo che si possa fare un piccolo regalo agli ospiti, aiutando nel contempo bambini più sfortunati, oppure mi orienterei su bomboniere "utili", ovvero piccoli assaggi di prodotti naturali e a km 0: olio, miele, marmellata. Sicuramente i vostri ospiti saranno contenti e vi ricorderanno quando assaggeranno il prodotto

Tosse persistente da reflusso: sintomi, cause e come si cura

L'apparato gastro-intestinale è particolarmente soggetto a diverse condizioni patologiche capaci di precluderne il buon funzionamento e di arrecare notevoli fastidi.
Una di queste condizioni è senz'altro il reflusso gastroesofageo, una delle patologie largamente diffuse, la quale colpisce circa il 20% della popolazione.
Uno dei principali sintomi associati a tale disturbo è la tosse persistente da reflusso: quali sintomi porta, quali sono le cause che la scatenano e quali possono essere i rimedi per cercare di contrastarla?
Cerchiamo di fare chiarezza in merito, fornendo una breve ma dettagliata panoramica e rispondendo a ciascuno di questi quesiti.

Tosse da reflusso: i sintomi

La tosse da reflusso fa parte dell'elenco di sintomi atipici della malattia da reflusso gastroesofageo, condizione di disagio che può arrivare anche a ridurre considerevolmente il sonno notturno e a privare il paziente del giusto riposo, oltre che a fargli trascorrere le ore diurne in modo estremamente travagliato.
Molto spesso, la tosse persistente da reflusso si accompagna con bruciore di stomaco retro-sternale, definito anche pirosi, il quale si manifesta come un fastidio situato nella parte alta dell'addome; oltre a ciò, si può manifestare anche il rigurgito acido, dovuto alla risalita di acidi gastrici all'interno dell'esofago, i quali, data la loro composizione, sono in grado di bruciare ed infiammare le pareti della laringe e della faringe.
Da questo si deduce facilmente che la tosse da reflusso è capace di provocare faringiti, laringiti, problemi respiratori, alitosi, asma, dolore toracico dovuto alle contrazioni muscolari per indurre la tosse, oltre che a disfagia e voce rauca causata dall'infiammazione delle corde vocali.
Tuttavia, quali sono le principali cause della tosse da reflusso?

Tosse da reflusso: le cause

Paradossalmente, la tosse da reflusso è da considerarsi come una misura di protezione e di difesa che il corpo instaura: in che senso?
La risalita degli acidi gastrici provoca la dispersione di goccioline acide che si possono facilmente infiltrare nelle vie aeree superiori, danneggiando le mucose localizzate in quel distretto anatomico e provocando disturbi respiratori; pertanto, l'organismo attiva il meccanismo della tosse per espellere tali goccioline penetrate nelle vie aeree, preservando le mucose respiratorie.
D'altra parte, la tosse potrebbe essere provocata anche da un segnale di impulso scatenato da un riflesso del sistema nervoso parasimpatico, il quale, accorgendosi della risalita dei succhi gastrici nell'esofago, attiva la tosse come riflesso inconscio.
Tuttavia, ulteriori cause della tosse da reflusso sono da ricercarsi anche in pasti abbondanti e nelle ore notturne le quali, il più delle volte, vengono trascorse assumendo una posizione che favorisce la risalita del contenuto acido proveniente dallo stomaco.
Quali sono, pertanto, i possibili rimedi per far fronte all'annosa tosse persistente da reflusso?

Tosse da reflusso: i rimedi

La cura migliore per tale sintomo atipico è la terapia che mira a curare il problema alla base di tale sintomo, ovvero il reflusso gastroesofageo.
Alcune delle strategie terapeutiche più frequentemente adottate prevedono l'utilizzo di anti-acidi, farmaci H2 antagonisti o inibitori della pompa protonica, i quali agiscono sulla produzione dei succhi gastrici curando, nel contempo, le lesioni provocate da essi a carico delle pareti dello stomaco.
Oltre ai rimedi di natura farmacologica, è possibile applicare alcuni accorgimenti nello stile di vita quotidiano per cercare di diminuire la tosse: uno di essi riguarda l'alimentazione.
Infatti, è bene escludere dalla propria dieta alcuni alimenti in grado di alimentare il reflusso, come i cibi grassi, la caffeina o la teina, il cioccolato, le bevande gassate, gli agrumi, i pomodori, la frutta come l'ananas, le pere o le banane e i latticini.
Inoltre, è consigliabile consumare pasti più ridotti, assumendoli sufficiente tempo prima di coricarsi, evitare il fumo e, ausilio molto importante, rivolgersi ad un medico prima di auto-somministrarsi dei farmaci specifici.

Sport e dieta: tutto quello che devi sapere

Lo sport e l'alimentazione sono due aspetti del cosiddetto "vivere sano" che presentano una strettissima collaborazione tra di loro; numerosi studi clinici, infatti, hanno evidenziato che le prestazioni fisiche in qualunque sport sono notevolmente influenzate dal tipo di dieta instaurata.
Pertanto, qual'è un tipo di alimentazione che uno sportivo dovrebbe privilegiare? Quali sono alcuni semplici step che coloro che praticano regolarmente sport potrebbero attuare per vedere una rapida escalation delle loro performance?
Cerchiamo di fare chiarezza in merito a tutto ciò, rispondendo a ciascuno di questi quesiti!

Performance sportive e dieta: l'importanza dell'idratazione

Innanzitutto, va detto che una parte di primissimo piano nella dieta di uno sportivo la possiede la corretta idratazione, aspetto che spesso e volentieri si sottovaluta; perché è importante?
Qualunque sport a cui ci si sottopone comporta un dispendio energetico di variabile entità, la quale è in funzione del livello di sforzo impiegato e del numero di muscoli coinvolti nell'attività fisica.
Di conseguenza, lo sforzo fisico porta con sè la dispersione di liquidi attuata tramite il meccanismo di sudorazione; pertanto, la compensazione di tali liquidi persi tramite la reidratazione è di fondamentale importanza per riottenere un bilancio idrico ottimale, il quale concorrerà nel mantenimento di alti livelli prestazionali soprattutto futuri.
La ricerca scientifica ha evidenziato che è utile assumere circa 500 mL di acqua 30 min prima dell'attività fisica, quantitativo che può variare a seconda della durata dell'allenamento e dello sport.
Inoltre, può essere utile anche assumere degli integratori, come quelli Reduslim, in grado di fornire zuccheri e vitamine necessari per sostenere un intervallo di tempo prolungato di attività sportiva.
Che dire della reintegrazione dei liquidi persi?
Sempre secondo alcuni studi, è bene reintrodurre 0.5 L di acqua per sforzi fisici di moderata entità, 1 L per sforzi intensi e 1.5 L per sforzi di alta intensità.

Sport e dieta: la corretta alimentazione prima e dopo l'attività sportiva

Oltre al giusto quantitativo di liquidi da introdurre e da reintegrare, è importante anche fare attenzione agli alimenti che si assumono prima e dopo l'attività fisica.
Un elemento che non dovrebbe mai mancare nella dieta di uno sportivo sono sicuramente i carboidrati, macro-molecole in grado di far recuperare al meglio i fasci muscolari dall'intensa attività sportiva, grazie alla loro azione stabilizzante a carico delle riserve di glicogeno muscolare ed epatico.
Sono, invece, da evitare assolutamente cibi grassi o estremamente zuccherosi e l'alcool, i quali, oltre a non fornire alcun tipo di nutriente necessario, forniscono calorie non adatte al tipo di alimentazione corretta per uno sportivo.
Prima di sottoporsi ad una sessione di esercizio fisico intenso, è bene consumare pasti ipocalorici, che includano la giusta quantità di carboidrati e proteine, evitando elevate porzioni di cibi grassi o ipercalorici, così come vanno categoricamente evitate cotture troppo elaborate e fritture varie.
Un'altro consiglio sulla dieta dello sportivo riguarda le tempistiche di assunzione alimentare: gli esperti sconsigliano di presentarsi sul rettangolo di gioco o in qualunque campo sportivo con il tratto gastro-intestinale in fase di digestione.
Pertanto, è importante intervallare l'attività fisica con il pasto interponendo almeno un paio d'ore di distanza tra i due eventi.
Che dire, invece, degli alimenti da consumare post-allenamento?
La corretta reintroduzione degli alimenti bruciati sotto forma di calorie durante l'attività sportiva è di fondamentale importanza, in quanto ha il ruolo di favorire il recupero delle scorte di glicogeno consumate.
10-20 g di proteine abbinate a circa 50-60 g di carboidrati sono il giusto mix per compensare le energie perse, così da non affaticare l'organismo e velocizzarne il processo di recupero anche nei giorni successivi all'attività agonistica.

Cosa sapere prima di aprire un locale

Mettersi in proprio ed aprire un locale assieme ad alcuni amici o alla propria famiglia è un sogno per molte persone. Recentemente, però, tantissime attività hanno mostrato di non riuscire a superare il primo anno senza ritrovarsi piene di debiti e con una situazione molto precaria. Ciò è dovuto al fatto che in questo settore è presente una concorrenza ferocissima, costituita da locali storici che hanno costruito la propria fama nel corso degli anni.

Inserirsi nel mercato è difficile e altrettanto complesso è riuscire a spiccare e offrire qualcosa di nuovo, diverso, che sia appetibile per il pubblico verso il quale si intende rivolgersi.

Avere una clientela di riferimento

Il primo passo per aprire un’attività di successo è quello di aver le idee ben chiare riguardo la tipologia di clientela che si vorrà attirare, così da dirigere le proprie energie verso un marketing ed un’offerta mirata. Questa scelta deve essere influenzata anche dalla tipologia di persone che frequentano una determinata zona e dalle attività già presenti in loco.

Se l’area è ricca di posti molto in che attirano giovani molto più interessati all’apparenza che alla qualità delle bevande, si può pensare di proporre un luogo in cui il buon bere è al primo posto, con una vasta offerta di drink accompagnata da personale esperto. Allo stesso tempo, se l’area è frequentata da persone più adulte, interessate ad un locale tranquillo e familiare, un pub o una birreria potrebbero essere soluzioni più indicate.

Trovato il pubblico di riferimento e lo stile necessario a spiccare rispetto alla concorrenza è molto più semplice disegnare e creare gli ambienti interni ed esterni, in modo da attirare l’attenzione di potenziali acquirenti.

Apparenza e facciata

Non occorre offrire chissà quale arredamento di lusso, ciò che importa è che esso sia curato e profondamente in tema con quello che è lo stile scelto. Chi entra deve ritrovarsi in un posto unico, che sia riconoscibile e rimanga impresso. Chiaramente l’offerta di prodotti e servizi deve essere all’altezza delle aspettative e corredata di personale capace e cordiale. Servizi di questo tipo però si trovano ormai ovunque e ciò che fa la differenza è l’unicità.

Unicità che deve essere mostrata sia internamente, con arredi, illuminazione e decorazioni pensate ad hoc, che esternamente. Da fuori il locale deve essere riconoscibile anche da chiuso, capace di attirare e incuriosire. Uno dei modi migliori è quello di realizzare un’insegna ben in vista, che mostri con chiarezza ciò che si troverà all’interno. Un esempio possono essere quelle prodotte da www.insegnevarese.it, un’azienda specializzata proprio nella realizzazione di insegne per attività pubbliche e private.

Non tralasciare la componente social

Il mondo dei giovani si muove sulla linea dei social e se si punta a raggiungere tale pubblico occorre strizzare l’occhio anche a questa componente. Ciò può avvenire in due modi: direttamente o indirettamente. Il modo diretto è quello di creare e sponsorizzare un account dedicato alla struttura stessa. Questa strategia punta a far conoscere e creare una community di clienti fedeli, interessati magari ad eventi o iniziative particolari.

Il metodo indiretto è tale da portare i clienti stessi a condividere informazioni sul locale, tramite storie sui social, foto o in generale passaparola puro e semplice. Ciò può essere ottenuto realizzando piatti e drink dalla presentazione complessa o articolata, oppure creando all’interno del locale zone con un look particolare, giochi di luce e di specchi che rendono irresistibile lo scattarsi una foto.

Oltre a quanto visto c’è anche un’altra strada, da intraprendere quando si è già raccolta una certa clientela: la sponsorizzazione tramite piccole celebrità del luogo. Molte volte basta offrire da bere a tutto il tavolo in cambio di una piccola menzione o di un tag in una foto che potrebbe, potenzialmente, arrivare agli occhi di moltissimi loro follower. In questa maniera il pubblico si amplia enormemente, raggiungendo una vasta lista di potenziali nuovi clienti.