Ormai è ora di capire la Borsa

La comunicazione finanziaria si impegna continuamente e con grande fatica ed attenzione a cercare di esprimere i dati economico-finanziari che risultano dall’analisi delle aziende e del mercato in concetti chiari e di facile comprensione, ma sembra non bastare mai: per il pubblico, per la grande maggioranza delle persone, la Borsa Valori rimane un mondo fatto di misteri, di regole assolutamente incomprensibili, e indubbiamente spaventose, un universo per così dire distinto dal nostro, indecifrabile e nuovo. Ma di nuovo, nella Borsa valori, c’è ben poco: la finanza non è un’invenzione moderna, e studiarne la storia millenaria (non esageriamo e non scherziamo, come vedremo!) può forse essere di ausilio nell’approcciare questo mondo con meno timore e più desiderio di cogliere come in effetti funzioni.

Chiariamo innanzitutto un concetto piuttosto basilare, ma indispensabile e che ci sarà molto utile nel corso di questo viaggio: ciò che si scambia in una Borsa Valori – ciò che è in sostanza l’oggetto dell’intera Finanza – è il debito di un’ente (un’azienda o una persona) verso un altro. E il concetto di debito, e quindi di prestito ad interesse, non è certamente una stranezza: se cerchiamo documentazioni storiche, ne troviamo su tavolette d’argilla risalenti alla cultura Mesopotamica, e quindi vecchie di circa cinquemila anni, e il Codice di Hammurabi, re di Babilonia di quattromila anni fa, prevede codici precise che lo regolano. Non basta tuttavia il debito a fare la finanza, e su quando sia collocabile il vero, primo atto che ci informa che esiste una Borsa Valori c’è molto meno accordo fra gli studiosi.

Una congettura affascinante, sostenuta dall’economista di nome Malmendier, parte dal presupposto che già nell’antica Roma repubblicana le societates publicanorum, che venivano formate per offrire servizi per il governo (come la costruzione, ad esempio, dei templi, o il vitto continuato delle famose Oche del Campidoglio), fossero già strutturate per partecipazioni, che erano scambiabili e quindi avevano un valore commerciale, peraltro variabile (e, a quanto ci dice la nostra fonte principale, Cicerone, in un suo discorso, abbastanza elevato). Per altri questa origine è troppo antica, ed è più cauto e corretto far risalire la nascita della Borsa alle obbligazioni Rinascimentali, come quelle che Venezia chiamò “prestiti” (erano in verità forzosi) nel 1171, e sulle quali pagò con perfetta accuratezza e assoluta tempestività gli interessi, dalle carte in nostro possesso, almeno dal 1262 al 1379.

Il passaggio dei secoli vide spostarsi i centri della finanza dall’Italia , predominante nel tardo Medioevo e nel Rinascimento (pensiamo a una famiglia come i Medici, che era composta di banchieri) alle città mercantili del Nord Europa, e Amsterdam vide, nel 1602, quell’evento che anche i più prudenti e conservatori fra gli storici ritengono il massimo limite per datare il principio della Borsa valori: la fondazione della Compagnia delle Indie orientali. Se può sollevare, la confusione nel pubblico data a poco dopo, visto che il primo libro sulla borsa esce nel 1688, scritto da Joseph de la Vega, e si intitola “Confusione delle Confusioni”. Fatto sta che pochi anni dopo vede la luce la Borsa di Londra, il celebre Stock Exchange, e meno faustamente nel 1720 inizia anche la tradizione delle bolle finanziarie, con lo scoppio fragoroso della prima e il successivo temporaneo rallentamento degli scambi. Nel 1790, anche nei giovani Stati Uniti d’America nasce un mercato azionario in rapida crescita – e il resto, possiamo ben dire, è storia!

Piattaforme aeree: sempre più in alto

Un lavoro, qualunque sia, richiede sempre diligenza per essere svolto in maniera adeguata. Ma se quello stesso lavoro lo prendiamo e lo spostiamo, rendendo essenziale eseguirlo a venti metri da terra, nasce una serie non insignificante di complicazioni: anzitutto, come è ovvio, tutte le preoccupazioni legate alla incolumità di chi si troverà a lavorare non con i piedi ben piantati a terra, ma sospeso in qualche modo ad un’altezza da cui precipitare sarebbe problematico o fatale; secondariamente, precisi problemi economici, perché arrivare a costruire una piattaforma che permetta l’accesso al punto elevato su cui lavorare, e intanto possa accogliere, appunto in sicurezza, sia i lavoratori che i loro strumenti, ha un costo rilevante; e in terzo luogo, problemi significativi di tempo, perché alle ore di lavoro necessarie per l’attività in sé andranno necessariamente aggiunte quelle per installare tutte le strutture di ponteggio di cui abbiamo parlato, e in seguito quelle per smontarle sgomberando l’area. Per questi motivi, come alternativa alle strtture tradizionali, sono state inventate, e diffuse in tutti i cantieri del mondo, le piattaforme aeree.

La nascita di questi dispositivi è piuttosto recente, e risale a neppure una cinquantina d’anni fa: a concepirne l’idea, progettarle nei dettagli e infine realizzarle concretamente fu, nel 1969, un inventore ed industriale degli Stati Uniti d’America, John L. Grove. Nato nel 1921, Grove possedeva e gestiva insieme ai fratelli Dwight e Wayne una fabbrica di carri agricoli in Pennsylvania, la Grove Manufacturing Company, avviata nel 1947. Trovandosi ad avere la necessità di spostare grosse masse di acciaio pesante per fabbricare i carri, John progettò, sfruttando le sue conoscenze idrauliche, quello che con successive migliorie sarebbe divenuto il primo modello di gru idraulica industriale mobile. La sua piccola fabbrica di carri fu ben presto riconvertita, e in pochi anni divenne un leader internazionale nel settore della fabbricazione delle gru. Fu lui che, sul finire degli anni ’50, sviluppò con Paul Shockley il sistema idraulico ad estensione per le scale allungabili dei camion dei pompieri; e una decina d’anni dopo, in una nuova società, la Condor Industries, fondata con Shockley dopo avere lasciato la Grove, John iniziò a concretizzare il suo ultimo progetto: dei carri mobili con strutture telescopiche che permettessero un lavoro sicuro anche in posizioni elevate. Erano nate le piattaforme aeree.

Ovviamente, come sempre accade in ingegneria, quel primo modello generò una grande moltitudine di varianti e migliorie, e oggi abbiamo una grande gamma di piattaforme aeree disponibili sul mercato. Si parte dalla più ridotte, che hanno il nome di “Vertical Mast” e montano un solo braccio idraulico estensibile per elevare la postazione di lavoro, per andare alle “Scissor”, nelle varianti elettriche e Diesel, dove il cesto che i lavoratori occupano viene innalzato a grande altezza da un pantografo; e all’altro capo della gamma abbiamo i “Boom-lift”, equipaggiati con bracci telescopici articolati con i quali è praticabile portare la piattaforma di lavoro fino a quaranta metri di quota, e che sono dotati di una serie di sistemi di stabilizzazione per mantenerli saldi e sicuri anche con il braccio del tutto esteso in verticale. E questo grazie ad un progetto nato quasi per caso, cinquant’anni fa.

Il test dell’udito

A puro rigor di logica, parrebbe ovvio che, quando ci capita di iniziare a notare che qualche suono, magari i più acuti o sottili, inizia a sfuggirci, a essere meno nitido, ci affrettassimo subito a richiedere un controllo dell’udito presso un centro specializzato, così da controllare se si tratti di un problema temporaneo, di una semplice suggestione infondata, oppure di un effettivo calo d’udito da arginare e gestire in qualche modo. Ma dicevamo bene, “parrebbe scontato”: in verità, a fronte di un numero imprecisato ma decisamente significativo di persone che hanno un qualche genere di problema d’udito, è molto basso quello di coloro che concretamente lo fanno esaminare e si occupano del problema.

Proviamo allora a domandarci quale sia la ragione di questo rifiuto che al primo esame ci pare tanto irrazionale: ci aspetta qualche sorpresa.Una delle ragioni più diffuse, che forse ci stupirà, è che, temendo questo tipo di problema di salute, le persone praticamente tendono, molto più visto che avviene in maniera graduale, a non notarlo veramente. Semplicemente, ogni volta si mette il volume del televisore un po’ più alto, si tende un po’ più l’orecchio per capire le parole del nostro interlocutore… e si nega il gonfiarsi del problema reale, perché non esiste un evento ben definito ed improvviso al quale ci si trovi costretti a ricollegarlo.Ulteriore spinta per cui molte persone presentano questa difficoltà è da ricercarsi nell’orgoglio.

Se ci pensiamo, siamo soliti, sbagliando rozzamente, collegare la sordità, o in generale il calo dell’udito, con una perdita di intelligenza, e con la vecchiaia. Riconoscere questo problema quindi ci fa temere di essere considerati anche prematuramente dementi, oppure vecchi.Una terza ragione si può rinvenire in un timore che a nessuno piace riconoscere di avere, ma che in realtà è diffusissimo: quello relativo alla medicina in generale e soprattutto ai dottori.

Essere sottoposti ad una visita è un po’ simile a dover sostenere un esame, e la sensazione di essere giudicati non è gradevole – molti preferiscono evitare il problema completamente, negando anche a se stessi che esista.Un’ultima ragione si può ricondurre alla paura delle conseguenze che deriveranno dal constatare il proprio deficit uditivo, e da come questo cambierà la propria vita: dalla spesa significativa per un apparecchio, all’ammissione che non si è più giovani e sani come prima.

Di certo, situazioni poco piacevoli, che logicamente non fa piacere vagliare.In conclusione, siamo costretti a raggiungere una conclusione: tutti i motivi che abbiamo visto insieme si potrebbero in realtà riassumere come i vari aspetti di un unico dilemma, che ha nome “paura”. Tuttavia si tratta di una paura che possiamo oltrepassare, in fondo, agevolmente, affrontando solamente un normalissimo e indolore test acustico – e recuperando in cambio una vita piena, rallegrata dalla musica, dai suoni della natura e dalla voce delle persone care.

Nichelatura: chimica o galvanica?

Fra i trattamenti superficiali a cui è possibile sottoporre vari tipi di oggetti, allo scopo di modificarne le caratteristiche superficiali come durezza e resistenza agli agenti esterni, ricopre indubbiamente un posto di spicco quello definito di nichelatura, che consiste, com’è ovvio dal nome, nel posare sull’intera superficie da trattare uno strato sottilissimo di nichel. Questo metallo, usato senza rendersene conto (lo si confondeva infatti spesso con il rame, e il suo nome deriva da quello di un folletto tedesco, a cui dei minatori imputarono lo strano scherzo di un minerale che appariva essere di rame ma si rifiutava di darne) da più di cinquemila anni, presenta infatti l’interessante prerogativa di un lunghissimo tempo di ossidazione quando esposto all’aria a temperatura ambiente, il che lo fa reputare resistente alla corrosione, e quindi un’ottima copertura protettiva per altri metalli.

Vi sono due metodi di nichelatura, che differiscono essenzialmente, nella procedura, dall’utilizzo o meno della corrente elettrica nella procedura di deposito del materiale. Il primo caso è quello della nichelatura cossiddetta elettrolitica, che per la natura del procedimento è eseguibile unicamente su materiali metallici. La pulizia del pezzo da ogni traccia di grasso o di corrosione è essenziale per la buona riuscita del trattamento, perciò l’oggetto da trattare viene assoggettato a svariati lavaggi e trattamenti termici prima del procediumento di nichelatura. Una volta che la preparazione è stata completata, si immerge integralmente il pezzo in un bagno di soluzione elettrolitica, e lo si pone come catodo, usando invece come anodo del nichel dissolto nel liquido in forma ionica. Come abituale nel procedimento elettrolitico, gli atomi di metallo viaggiano nella soluzione e si depositano sul pezzo, ricoprendolo completamente.

Per contro, nella seconda tipologia di procedura, quella di natura esclusivamente chimica, non figura in alcun momento del procedimento l’uso della corrente elettrica. Non si tratta di una differenza irrilevante: la scelta di fare senza elettricità dà infatti tre significativi vantaggi rispetto alla procedura elettrolitica descritta prima. Il primo e più banale, evidentemente, è che non occorre nessun genere di alimentazione elettrica, e quindi non ha alcun costo energetico da calcolare o sostenere. In secondo luogo, quando vengono depositati chimicamente, gli strati di nichel sono sempre assolutamente dell’identico spessore in ogni punto, interamente uniformi, quale che sia la forma, anche molto complessa e scolpita, dell’oggetto. Per finire, siccome non è richiesto da questo metodo che il pezzo sia in grado di condurre elettricità, non è obbligatorio limitarsi ad oggetti metallici e si possono nichelare anche pezzi in plastica o vetro.

A prescindere dal metodo che viene utilizzato, come abbiamo detto, tutti e due I metodi di nichelatura hanno lo stesso scopo: quello di dare protezione all’oggetto che viene ricoperto dai danni meccanici e dall’ossidazione e corrosione. Ma non è tutto: la nichelatura di tipo chimico, poichè permette di depositare coperture di spessore variabile, può anche essere applicata per ripristinare le misure precise di funzionamento di un utensile che si sia rovinato con il lavoro. Ne fanno uso per di più l’industria automobilistica, che protegge così le parti sottoposte a pesante usura, e quella della fabbricazione dei dischi rigidi, nei quali I dischi di alluminio, prima di ricevere lo strato magnetico che conterrà I dati, vengono protetti attraverso nichelatura..

La Scozia

Edimburgo
Edimburgo è una delle città più belle del mondo. Nessun visitatore può rimanere indifferente al fascino della splendida posizione, della ricchezza architettonica e della vita culturale. Le case popolari della città vecchia, ammassate le une sulle altre, contrastano con le file ordinate di case della Georgian New Town, che in molte città costituirebbe il centro storico. Sullo sfondo sfilano il Firth of Forth e le colline Pentland e Calton.

È consigliabile visitare Edimburgo a piedi, e il luogo ideale per iniziare il giro è il suo Castello: bello, romantico e ricco di reminiscenze del suo passato cruento. Sebbene fondato nell’850 a.C., la parte più antica attualmente esistente risale al 1130. Dall’XI al XVI secolo il castello fu la sede simbolica della casa reale scozzese e oggi ospita la Divisione Scozzese dell’esercito. Sorge all’estremità occidentale del Royal Mile (il miglio di strada che costituisce la principale via di transito della città medievale), che porta a Holyrood, altra residenza reale. L’arteria del Royal Mile conserva ancora intatto il suo aspetto dei secoli XVI e XVII; prendendo una delle strade che si dipartono dal Royal Mile si può rivivere l’atmosfera di quell’epoca, attraverso musei e splendide case restaurate.
Nei pressi del castello s’innalza la Calton Hill, dalla quale si ha una magnifica vista sulla città; non perdetevi gli interessanti monumenti del periodo dell’Illuminismo, quando Edimburgo veniva chiamata ‘l’Atene del Nord’. Prima di scendere verso la New Town, fermatevi alla Greyfriars Kirk, la chiesa in cui nel 1638 si firmò il National Covenant (la convenzione nazionale dei presbiteriani scozzesi contro l’episcopato). Il cimitero attiguo ispirò Disney per l’ambientazione di uno dei suoi film più commoventi, Greyfriars Bobby, che narra la storia, ripresa da una leggenda, di un terrier che veglia per 14 anni sulla tomba del padrone.
A nord si estende la New Town, separata dalla ferrovia interrata e dai Giardini di Princes St, nei quali è stato innalzato il Monumento a Sir Walter Scott, in stile inconfondibilmente gotico. L’eleganza e il rigore del periodo georgiano si ritrovano nelle belle piazze e nelle raffinate schiere di case. Alla National Gallery of Scotland sono esposte prestigiose opere d’arte europee; per una rassegna della storia scozzese visitate la pinacoteca Scottish National Portrait Gallery.
La vita culturale di Edimburgo è ricca e variegata, basti citare il Tattoo Festival e l’International Festival. In alcuni periodi è difficilissimo trovare una sistemazione ed è necessario prenotare con largo anticipo. Per entrare nella vita quotidiana degli Scozzesi, vi consigliamo di alloggiare in un B&B: ne trovate un buon numero a nord di New Town e nel sobborgo meridionale di Newington. In periferia ci sono diversi ostelli della gioventù. Stranamente, nel Royal Mile ci sono numerosi locali in cui si mangia a prezzi contenuti e vi trovate di tutto, dal satay di Singapore alla cucina tradizionale scozzese.

Glasgow
Situata a soli 48 km da Edimburgo, che per troppo tempo l’ha eclissata, Glasgow ha in realtà molto da offrire al turista, soprattutto adesso che si è liberata della reputazione di città violenta, economicamente depressa e paralizzata dalla disoccupazione. Negli anni ’80 e ’90, infatti, Glasgow è riuscita a reinventarsi da un punto di vista culturale e sociale, ed è rimasta una città profondamente scozzese, vitale e piena di energia. Il centro, con pianta a scacchiera, è situato sulla sponda settentrionale del fiume Clyde, importante sede di cantieri navali. In Sauchiehall St e dintorni troverete negozi, pub e ristoranti per tutti i gusti.
La parte più antica della città sorge a est e comprende il capolavoro gotico, perfettamente conservato, della Cattedrale di Glasgow, il museo di vita e arte religiosa St Mungo’s e la casa più vecchia di Glasgow, la Provand’s Lordship, risalente al XV secolo. Tornando verso ovest, passate per la Merchant City, un complesso di case e di strutture commerciali del XVIII secolo. In Sauchiehall St, Charles Rennie Mackintosh costruì i capolavori liberty della Glasgow School of Art e della Willow Tearoom, tuttora funzionante. La Tenement House è come una straordinaria macchina del tempo che vi farà rivivere la vita quotidiana della borghesia urbana della svolta del secolo scorso. Infine, non perdetevi la più interessante istituzione culturale, la Burrell Collection, che si trova nel Pollok Country Park, 5 km a sud del centro. Fra gli oggetti esposti, in questo, che è uno dei pochi edifici armoniosi costruiti negli ultimi anni, ricordiamo le porcellane cinesi, mobili medievali e dipinti impressionisti.

St Andrews
Con le sue rovine medievali, i paesaggi costieri battuti dal vento e una sfrenata vita universitaria, St Andrews è una città bella e assolutamente insolita. Oggi la nuova religione dell’antica capitale ecclesiastica della Scozia è il golf. Qui si trovano il Royal & Ancient Golf Club e il campo da golf più famoso del mondo, l’Old Course. La baia è dominata dalle rovine di un castello, a fianco del quale sorgeva un tempo la cattedrale più grande della Scozia, distrutta negli anni della Riforma. Nel centro medievale, un dedalo di acciottolati, concentrato in uno spazio ristretto, si trovano l’antica porta della città, chiese e cappelle, una croce e vari musei. L’università di St Andrews, come le coeve di Oxford e di Cambridge, non è strutturata intorno a un campus e i vari istituti sono sparsi per il centro della città.

Aberdeen
Aberdeen è una straordinaria sinfonia di grigi: tutto, comprese le strade, è di granito. Quando è immersa nel sole e nella pioggia, la città brilla argentea come in una fiaba; se coperta di nuvoloni, invece, può risultare un po’ opprimente. Aberdeen è sorprendentemente pulita perché dominata da un alto senso civico; ospita il porto che serve la piattaforma petrolifera in mare più grande del mondo. Il numero degli abitanti negli ultimi anni è cresciuto, essendo giunti molti lavoratori dell’industria estrattiva e una vivace popolazione studentesca. Nei pressi del porto, sempre trafficato, ci sono un suggestivo mercato del pesce e l’importante museo marittimo. Nei dintorni di Union St, la via principale, trovate l’antica porta Castlegate, la casa tardo-medievale Provost Skene’s House e l’Aberdeen Art Gallery, nella quale sono esposti dipinti pre-raffaelliti e di arte contemporanea.

Regione di Aviemore

La cittadina turistica di Aviemore è il punto di partenza per fare escursioni a piedi e per sciare nel paradiso delle Cairngorm Mountains. In questa regione, che occupa l’unico altopiano glaciale della Gran Bretagna, si concentrano varie specie animali rare come la martora, il gatto selvatico, lo scoiattolo rosso, il falco pescatore (soprattutto intorno al Boat of Garten) e il cervo. Nelle acque cristalline del fiume Spey e nei loch si pratica la pesca del salmone. Il Rothiemurchus Estate e il Glenmore Forest Park sono aree protette di pini e di abeti rossi, che si possono percorrere con visite guidate e che offrono varie opportunità per praticare sport acquatici.

Storia e utilizzi delle funi metalliche

Le funi metalliche fanno parte di quegli equipaggiamenti la cui rispondenza a precise prestazioni non è una questione di mera pignoleria, ma la differenza fra la felice conclusione di un progetto e un potenziale disastro. Utilizzate soprattutto nel campo dei trasporti e degli imballaggi, infatti, le funi metalliche sono spesso sottoposte a sollecitazioni estreme, ed è a loro che compete la responsabilità di mantenere sollevati, o legati insieme, i carichi più eterogenei e gravosi, dal legno, al metallo, al cemento.

Come possono le funi metalliche adempiere a questa funzione? Non dimentichiamo che dalla loro tenuta non dipende esclusivamente – e già sarebbe molto – la sicurezza del carico trasportato, che può spesso essere di grande valore: sovente, per non dire sempre – pensiamo al settore edile – le funi metalliche sono la sola cosa che impedisce a piloni di cemento e travi d’acciaio di piombare addosso ai lavoratori, e ne dipende quindi la sicurezza di esseri umani – ben più importante di quelle di qualsiasi carico. Ebbene, la risposta sta nella loro tecnica costruttiva.

Quando usiamo il termine “funi metalliche” stiamo, in effetti, descrivendo esattamente l’oggetto di cui parliamo, senza metafore: sono vere e proprie corde, con la sola particolarità di essere composte di fili metallici anziché di quelle fibre – come la canapa – utilizzate per intrecciare le corde normali.
A sviluppare questa tecnica, e quindi inventare le funi metalliche, fu un ingegnere tedesco, Wilhelm Ducay, nella prima metà del 1800. Ducay era impiegato nell’industria mineraria, e fu proprio per le specifiche necessità di questo settore che sviluppò le funi metalliche, a sostituire le catene e le corde di canapa fino a quel momento utilizzate per svolgere le stesse funzioni: i risultati nettamente superiori garantirono il successo della sua invenzione, dato che evitavano le rotture – e le catastrofiche conseguenze – cui erano soggette corde e catene.

Oggi, possiamo trovare funi metalliche – normalmente realizzate interamente in cavo d’acciaio – utilizzate nei settori più diversi: come dicevamo, sono spesso impiegate nel campo edile, per sollevare grandi carichi con le gru, ma allo stesso modo sono sfruttate negli ascensori, nelle teleferiche, e per imballaggi particolarmente robusti; e non dimentichiamone uno degli utilizzi più spettacolari, quello di supporto nei grandi ponti metallici. Talora, per proteggere le funi metalliche dal rischio di corrosione dovuto al clima, se ne ricopre la superficie con vinile o nylon; questi materiali le proteggono dall’umidità, prolungandone ulteriormente la vita utile e l’affidabilità.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Confettura e gelatina: le differenze

Confettura, gelatina: sono sinonimi? I due prodotti effettivamente sono estremamente simili, e hanno praticamente la stessa funzione sulle nostre tavole – ma decisamente non sono la stessa cosa. La differenza è in realtà molto semplice: la confettura contiene succo e polpa di frutta, mentre la gelatina è rigidamente prodotta con il solo succo. Ma al di là di questa semplice categorizzazione, la spiegazione è leggermente più complessa: vediamola.

La confettura
Nel campo delle conserve, la confettura viene inventata per un motivo estremamente semplice: poter usufruire per tutto l’anno di frutta che, essendo rigidamente stagionale, non sarebbe altrimenti accessibile per buona parte del tempo. Sfruttando sia il succo che la polpa del frutto, nella confettura lo spreco è minimo, e si preserva pressochè tutto il raccolto: la preparazione prevede solo di bollire la frutta, tagliata a pezzi, con acqua e zucchero. La reazione chimica che ne deriva libera la pectina naturalmente contenuta nel frutto e porta alla gelificazione del prodotto.
Normalmente, quando si prepara confettura di frutta ad alto contenuto di pectina (pensiamo a mele, more, prugne) non servono aggiunte, mentre per la frutta che contiene meno pectina naturale (ad esempio le ciliegie, le fragole, o le pesche) è possibile aggiungere delle fettine di mela per innalzarne il livello e assicurare una corretta riuscita della conserva.

La gelatina

Nel caso della gelatina siamo invece di fronte ad un prodotto tipicamente trasparente o traslucido, che deriva soltanto dal succo zuccherato della frutta. Anche qui – e sta in questo la somiglianza alla confettura – la reazione fondamentale della preparazione è l’attivazione della pectina contenuta nella frutta per permettere la gelificazione del succo; tuttavia, talvolta, l’uso del solo succo richiede l’aggiunta di pectina, o tramite combinazione di frutta diversa, come per la confettura, o in forma pura.

Per la gelatina si usa succo filtrato e limpido di frutta cotta e compressa, il che rende più semplice l’estrazione sia dei succhi che, appunto, della pectina naturalmente contenuta nella frutta stesa. L’uso del solo succo rende possibile impiegare uno spettro più ampio di frutta o verdura, e per questo troviamo anche gelatina d’uva, o perfino gelatine piccante dove alla frutta si affiancano i peperoncini.

Oh, e in chiusura, per chi se lo stesse domandando: ma la marmellata? La preparazione è identica a quella della confettura, ma la differenza – sebbene sia accademica, e molti usino i termini come sinonimi – è che la marmellata è esclusivamente quella di agrumi, mentre la confettura è quella fatta con qualsiasi altro frutto.

Lavorare con una clientela internazionale a Milano

Uno degli aspetti più importanti del lavorare in una città come Milano è quello di poter facilmente avere accesso ad una tipologia di clientela che esula nettamente dalle sole logiche locali, ed è decisamente di taglio e stampo internazionale. Naturalmente questo richiede anche di attrezzarsi per poter gestire al meglio gli impegni che derivano da questo genere di relazione, e che nascono soprattutto dalla differenza di lingua. Pensiamo infatti alla complessità di organizzare un evento, come ad esempio una conferenza di settore, quando gli oratori parlano lingue diverse fra loro e anche rispetto al pubblico!

Per fortuna non mancano studi che offrono servizi di interpretariato, a Milano: al contrario, ce ne sono molti, e se vogliamo dir così, per tutte le tasche. Ma se pensiamo che possano esserci utili solamente se ci troviamo ad organizzare congressi e meeting, e che quindi se siamo un’azienda con ambizioni leggermente inferiori l’argomento non ci interessi, siamo gravemente in errore! L’interpretariato infatti è ben superiore all’uso di lingue franche, come l’inglese, e se queste possono andare benissimo per normali trattative o incontri, in casi di importanza e rilievo maggiore è necessario utilizzare le lingue madri degli interlocutori, per assicurare un miglior passaggio dei contenuti e una perfetta comprensione di tutte le sfumature.

Pensiamo infatti ad un’importante teleconferenza con un cliente estero, o ancora ad un primo incontro con un nuovo partner internazionale, o ancora ad una trattativa commerciale condotta allo stand di una grande fiera: in tutti questi casi, il servizio di interpretariato a Milano è fondamentale per la buona riuscita dell’incontro, e garantisce la perfetta comprensione fra le due parti, oltre a permettere trattative ben più evolute e sottili – soprattutto con un interprete esperto – rispetto a quelle che sarebbe possibile condurre utilizzando una lingua comune, magari non ben nota a nessuno dei due interlocutori.

Fare ginnastica si può: troviamo il tempo mentre guardiamo la TV

Cosa facciamo nel tempo libero? Dovremmo fare un po’ d’esercizio, ma siamo stanchi, svogliati, e la TV e il divano sono lì, così vicini, comodi e tentatori…

La vita è stressante per tutti, e volersi riposare è del tutto normale e legittimo. Ma per la nostra salute, proviamo a combinare questo momento di relax della mente con un momento di sana attività fisica: è sano, è possibile, e non è complicato, se ci organizziamo! E soprattutto, i risultati arriveranno prima di quanto immaginiamo, anche con questa modalità un po’ atipica di allenamento: vedremo i primi benefici a livello di fiato, scioltezza e benessere già in poche settimane. Ecco quindi una breve serie di suggerimenti perfettamente praticabili davanti allo schermo; vi raccomandiamo, prima, di fare sempre un po’ di riscaldamento, e di trovarvi una routine non troppo faticosa, così da poter maturare l’abitudine di farla ogni volta che vi concedete un po’ di TV.

Potete fare flessioni, piegamenti, affondi, per potenziare i muscoli. Ma potete allo stesso tempo fare un po’ di sana corsa sul posto: pensateci, jogging guardando la TV e senza badare che stia diluviando oppure no! E soprattutto, è importante che impariate a combinare gli esercizi, così da riscaldare e fare lavorare ogni volta tutti i gruppi muscolari, senza affaticarvi e soprattutto nel rispetto delle vostre condizioni fisiche: se non fate movimento da anni, non esagerate le prime volte, o rischierete non soltanto di perdere subito lo stimolo, ma ancor peggio di farvi seriamente del male. Gradualità in tutte le cose!

I mille vantaggi dei taglieri in legno

Siamo un popolo di santi, navigatori… ma anche di cuochi e golosi, diciamolo: e proprio per questo, nelle nostre cucine spesso c’è una grande abbondanza di strumenti per la preparazione del cibo. Per sofisticati che siano alcuni di essi, però, raramente è possibile rinunciare ai grandi classici, ai più semplici e tradizionali, come per esempio i comuni taglieri in legno. Quante operazioni fondamentali, dal tagliare a dadini, all’affettare, al tritare a coltello o mezzaluna, si possono compiere su una solida base come questa! La plastica ancora non è riuscita a sostituire il legno in questo ambito, e le ragioni sono reali e numerose.

Cominciamo dal vantaggio più evidente presentato dal legno: la sua durata superiore. Un tagliere in plastica raramente dura, in perfette condizioni, più di qualche mese; uno in legno, a prescindere dalla specifica essenza – ce ne sono di pino, di quercia, d’olivo… – può non soltanto durare una vita, ma addirittura passare da una generazione all’altra, con una semplice manutenzione. Inoltre, mentre su materiali sintetici ogni taglio o graffio è un segno indelebile, molti tagli leggeri che separano appena le fibre del legno scompaiono non appena queste si richiudono naturalmente, ripristinando la superficie liscia e compatta del legno, specie nel caso di essenze a grana particolarmente fitta.

Ma un tagliere in legno rappresenta non solo un utensile, ma anche una decorazione per la nostra cucina. Dove un tagliere in plastica, al massimo, può aspirare ad essere funzionale, facile da lavare, comodo da usare, un tagliere in legno può essere bello, tanto bello che ci fa piacere lasciarlo appeso in piena vista alla parete, magari per fare un tocco rustico alla stanza, oppure esibirlo ai nostri ospiti come vassoio per un antipasto un po’ rustico a base di salumi e formaggi. Certo, non è una spesa trascurabile, ma stiamo comprando un oggetto di ben altro livello rispetto ai comuni taglieri moderni!