Disabili: non vogliono agevolazioni, ma quei diritti che sono loro dovuti

Non sono sicuramente pochi, ed è facile per chiunque immaginarlo, i problemi quotidiani, di ogni ordine, che tocca combattere a chi si trova, a qualsiasi età, a dover fare i conti con una qualsiasi disabilità. A differenza però dei più evidenti e semplici da riconoscere, come quelli legati alle barriere architettoniche, che sono superabili con mille accorgimenti, dalle rampe d’accesso per le sedie a rotelle ai servoscale per disabili, alcuni problemi sono di genere più insidioso, legati alla mentalità comune, e considerevolmente più complessi da fronteggiare e risolvere.

Sfortunatamente, infatti, il punto di vista con cui la grande massa delle persone si avvicina al problema dei disabili è ben poco obiettivo, e in effetti si incentra su un fondamentale malinteso della questione, facendone un proglema di magnanimità o ricompensa verso I disabili, in ragione del dolore e delle fatiche che tale categoria vive comprensibilmente ogni giorno. Nondimeno, proprio come tutti i punti di vista maggioritari, questo è così radicato da rendere impegnativo perfino notarlo, e a maggior ragione riconoscerne l’errore di fondo; e per questo, i più continuano ad essere convinti che la soluzione al problema dei disabili stia nel concedere servizi e facilitazioni ai disabili in modo da consolarli, per quanto fattibile, di quel dolore che vivono per via della propria condizione fisica.

Ora, è fondamentale mettere in chiaro che, da un punto di vista umano, nessuno potrebbe certamente dubitare anche solo per un secondo che questo dolore sia reale. La questione è però diversa: considerare il problema in questa ottica è semplicistico ed irrispettoso, e soprattutto è la soluzione che ci richiede, in definitiva, lo sforzo minore di qualche spesa aggiuntiva per la costruzione di rampe d’accesso e l’installazione di segnalatori acustici ai semafori. Tutto sommato, è una concezione molto superba. Una critica onesta del problema, al contrario, non può che mostrarci come in realtà, quando ci occupiamo del problema dei disabili, stiamo unicamente estendendo a tutti, come è doveroso, i diritti base della nostra società.

Il problema deve infatti essere affrontato e analizzato equamente, ma senza cedere alla facile seduzione del buonismo, o di una falsa interpretazione della generosità, entrambi criteri piuttosto superbi da applicare ad una questione tanto rilevante.

Discutere di abbattimento delle barriere architettoniche significa infatti, unicamente, affrontare una situazione che è, di fatto, indubbiamente chiara da interpretare;

1. noi riteniamo che la nostra società, per dirsi civile, debba allargare a tutti una vasta serie di diritti irrinunciabili, rendendoli da tutti accessibili e godibili;

2. quando diciamo che tali diritti vanno estesi a tutti, non facciamo, giustamente, menzione di particolari condizioni fisiche; ne deriva quindi che non riteniamo, e giustamente, che esistano cause fisiche per cui sia giusto non garantirne il godimento;

3. siccome è però evidente che, lasciate a se stesse, le persone afflitte da qualche handicap non potrebbero godere appieno dei propri diritti, è logico ed evidente che sia dovere della società occuparsi di sradicare questa barriera alla loro piena cittadinanza.

Si potrebbe osservare, e non a torto, che i due discorsi appaiono, nella pratica e nelle conseguenze, ben simili, quasi indistinguibili: da entrambe le premesse discende, per fare un esempio, la naturale conseguenza che le barriere architettoniche vanno studiate, riconosciute, ed eliminate, doverosamente. Non si pensi però che la distinzione fra i due approcci sia trascurabile: in realtà, delinea una traccia precisa che separa un dovere di civiltà da quello che potrebbe parere soltanto un banale atto di elargizione.