Day Spa ad Abano terme: il regalo perfetto per Natale!

Una giornata di relax, specialmente durante le feste natalizie, è più che meritata. Se volete  concedervi un’esperienza di benessere o regalarla ad una persona cara allora un pacchetto Day Spa può fare proprio al caso vostro.

Lo stress e la stanchezza accumulata durante tutto l’anno si fanno sentire e staccare la spina può essere fondamentale. Lasciatevi alle spalle la routine lavorativa ed immergetevi nei benefici dell’acqua termale per ritrovare tutta la vostra energia. 

Abano terme è uno dei centri termali più famosi in Italia ed Europa, per le sue acque termali che offrono numerosi effetti benefici per il corpo e per il trattamento di patologie osteo-articolari. Ma non solo. Questa zona è particolarmente interessante anche per il contesto naturalistico in cui si trova: il comprensorio dei Colli Euganei. 

L’Hotel Terme Milano, in centro ad Abano terme, vi propone dei trattamenti rigeneranti e di bellezza per prenderti cura di te stessa cominciando proprio dal tuo corpo. Tra i trattamenti più richiesti dai nostri clienti ci sono: la pulizia del viso, le maschere idratanti, il massaggio viso, la manicure e pedicure, il linfodrenaggio ed i trattamenti con il fango anticellulite. Potrete completare questa meravigliosa esperienza richiedendo una camera per uno o più giorni, organizzando così un fantastico weekend alle terme di Abano in uno dei periodi più allegri ed interessanti dell’anno!

Day Spa: cosa comprende

Nel pacchetto Day spa è compreso l’accesso all’area termale in cui sono presenti una piscina interna ed una esterna intercomunicanti, dotate di lettini idromassaggio per eliminare tutta la tensione grazie ai getti caldi degli idromassaggi. Specialmente in inverno, cosa c’è di meglio della suggestiva e rilassante atmosfera creata dalle piscine di acqua termale alla temperatura di 37°? I benefici dell’acqua termale, i trattamenti e l’ambiente rilassante  sono particolarmente rigeneranti specialmente per la cura dei dolori muscolari ed articolari. Inoltre, per favorire un rilassamento davvero completo potrete approffittare del percorso giapponese e delle cascate d’acqua all’interno delle piscine. Per gli amanti dell’attività fisica sono invece previsti dei corsi di aquagym.

Il pacchetto Day Spa ad Abano terme, ovviamente, comprende l’accesso alla Spa AQUIS, all’interno dell’hotel. Questo piccolo tempio del benessere vi offre:

  • sauna finlandese: utile per rafforzare le difese immunitarie e decontratturare i muscoli di tutto il corpo
  • bagno turco: libera la pelle dalle impurità e ossigena i tessuti apportando effetti benefici alla circolazione sanguigna
  • cascata di ghiaccio: rivitalizza il corpo stimolando la circolazione dopo la sauna e il bagno turco
  • doccia emozionale: completate  il percorso di benessere con la cromoterapia associata all’aromaterapia per ritrovare l’armonia interiore.

Scoprite l'intero pacchetto Day Spa con relativi prezzi qui e approfittate subito dell'offerta!

L’estate o tutta la vita?

L’estate è alle porte e, sebbene le spiagge che ci vengono in mente sono solo quelle in territorio nazionale, anche il continente americano sa cosa offrire al turista in termini balneari. Allora perché non ricordare che gli USA sono un vero paradiso per chi ama il mare, grazie a migliaia di chilometri di costa, in gran parte sabbiosa,  capace di affacciarsi sugli oceani Atlantico e Pacifico e sul Golfo del Messico? Uno scenario di cui un italiano, nel suo paese, non potrà di certo godere. Amanti del surf e del windsurf? l’America offre onde da cavalcare e spiagge deserte, perché non tutti sono in grado do confrontarsi con cavalloni alti qualche metro. L’America offre un mare caratteristico, che potrebbe sedurvi tanto da convincerci a trasferirvi direttamente in un nuovo continente.

Il Panorama Americano

Non tutte le spiagge sono paradisi silenziosi: trovare un lembo di sabbia libera a Coney Island (una delle spiagge di New York) o alla fantastica Malibù (spiaggia per i benestanti di Beverly Hills) durante una bella domenica di luglio può essere un’impresa da super eroi o da pazzi suicidi, ma per fortuna esistono dei santuari naturali e spiagge isolate da soddisfare qualsiasi desiderio di solitudine. In America è impossibile non trovare la spiaggia  adatta a se stessi, anche perché si può andare al mare quasi tutto l’anno, essendo caratterizzate, alcune regioni, da una temperatura calda e costante. Nella penisola della Florida, per esempio, la stagione balneare inizia ben prima dell’estate che noi conosciamo, grazie ad un clima scottante che, purtroppo,a volte scoraggia molti dal visitare lo stato.

In America sono per di più famose spiagge elitarie e glamour, come quelle della costa Atlantica: Miami Beach, Key Byscaine, Daytona Beach (dove si parcheggia direttamente sull’arenile) sono nomi famosi in tutto il mondo, ma chi veramente ama il mare preferisce gli immensi arenili di Panama City, di Naples o di Tampa, che sbucano sul Golfo del Messico.

Bahia Honda

Lo studio legale Carlo Castaldi, è nelle condizioni di offrirti tutte le informazioni di cui hai bisogno per ricevere la carta verde per gli USA, affinché tu possa vivere le spiagge Americane in un tempo indefinito. Sempre rimanendo in tema, le isole Keys hanno bisogno di uno spazio riservato. La Bahia Honda vale assolutamente il viaggio che vorrete affrontare in America e non vi farà pentire nemmeno un minuto di aver scelto di vivere il resto della vostra vita in questo immenso continente. Veri paradisi da scoprire, che aspettano solo che voi facciate un biglietto.

La Scozia

Edimburgo
Edimburgo è una delle città più belle del mondo. Nessun visitatore può rimanere indifferente al fascino della splendida posizione, della ricchezza architettonica e della vita culturale. Le case popolari della città vecchia, ammassate le une sulle altre, contrastano con le file ordinate di case della Georgian New Town, che in molte città costituirebbe il centro storico. Sullo sfondo sfilano il Firth of Forth e le colline Pentland e Calton.

È consigliabile visitare Edimburgo a piedi, e il luogo ideale per iniziare il giro è il suo Castello: bello, romantico e ricco di reminiscenze del suo passato cruento. Sebbene fondato nell’850 a.C., la parte più antica attualmente esistente risale al 1130. Dall’XI al XVI secolo il castello fu la sede simbolica della casa reale scozzese e oggi ospita la Divisione Scozzese dell’esercito. Sorge all’estremità occidentale del Royal Mile (il miglio di strada che costituisce la principale via di transito della città medievale), che porta a Holyrood, altra residenza reale. L’arteria del Royal Mile conserva ancora intatto il suo aspetto dei secoli XVI e XVII; prendendo una delle strade che si dipartono dal Royal Mile si può rivivere l’atmosfera di quell’epoca, attraverso musei e splendide case restaurate.
Nei pressi del castello s’innalza la Calton Hill, dalla quale si ha una magnifica vista sulla città; non perdetevi gli interessanti monumenti del periodo dell’Illuminismo, quando Edimburgo veniva chiamata ‘l’Atene del Nord’. Prima di scendere verso la New Town, fermatevi alla Greyfriars Kirk, la chiesa in cui nel 1638 si firmò il National Covenant (la convenzione nazionale dei presbiteriani scozzesi contro l’episcopato). Il cimitero attiguo ispirò Disney per l’ambientazione di uno dei suoi film più commoventi, Greyfriars Bobby, che narra la storia, ripresa da una leggenda, di un terrier che veglia per 14 anni sulla tomba del padrone.
A nord si estende la New Town, separata dalla ferrovia interrata e dai Giardini di Princes St, nei quali è stato innalzato il Monumento a Sir Walter Scott, in stile inconfondibilmente gotico. L’eleganza e il rigore del periodo georgiano si ritrovano nelle belle piazze e nelle raffinate schiere di case. Alla National Gallery of Scotland sono esposte prestigiose opere d’arte europee; per una rassegna della storia scozzese visitate la pinacoteca Scottish National Portrait Gallery.
La vita culturale di Edimburgo è ricca e variegata, basti citare il Tattoo Festival e l’International Festival. In alcuni periodi è difficilissimo trovare una sistemazione ed è necessario prenotare con largo anticipo. Per entrare nella vita quotidiana degli Scozzesi, vi consigliamo di alloggiare in un B&B: ne trovate un buon numero a nord di New Town e nel sobborgo meridionale di Newington. In periferia ci sono diversi ostelli della gioventù. Stranamente, nel Royal Mile ci sono numerosi locali in cui si mangia a prezzi contenuti e vi trovate di tutto, dal satay di Singapore alla cucina tradizionale scozzese.

Glasgow
Situata a soli 48 km da Edimburgo, che per troppo tempo l’ha eclissata, Glasgow ha in realtà molto da offrire al turista, soprattutto adesso che si è liberata della reputazione di città violenta, economicamente depressa e paralizzata dalla disoccupazione. Negli anni ’80 e ’90, infatti, Glasgow è riuscita a reinventarsi da un punto di vista culturale e sociale, ed è rimasta una città profondamente scozzese, vitale e piena di energia. Il centro, con pianta a scacchiera, è situato sulla sponda settentrionale del fiume Clyde, importante sede di cantieri navali. In Sauchiehall St e dintorni troverete negozi, pub e ristoranti per tutti i gusti.
La parte più antica della città sorge a est e comprende il capolavoro gotico, perfettamente conservato, della Cattedrale di Glasgow, il museo di vita e arte religiosa St Mungo’s e la casa più vecchia di Glasgow, la Provand’s Lordship, risalente al XV secolo. Tornando verso ovest, passate per la Merchant City, un complesso di case e di strutture commerciali del XVIII secolo. In Sauchiehall St, Charles Rennie Mackintosh costruì i capolavori liberty della Glasgow School of Art e della Willow Tearoom, tuttora funzionante. La Tenement House è come una straordinaria macchina del tempo che vi farà rivivere la vita quotidiana della borghesia urbana della svolta del secolo scorso. Infine, non perdetevi la più interessante istituzione culturale, la Burrell Collection, che si trova nel Pollok Country Park, 5 km a sud del centro. Fra gli oggetti esposti, in questo, che è uno dei pochi edifici armoniosi costruiti negli ultimi anni, ricordiamo le porcellane cinesi, mobili medievali e dipinti impressionisti.

St Andrews
Con le sue rovine medievali, i paesaggi costieri battuti dal vento e una sfrenata vita universitaria, St Andrews è una città bella e assolutamente insolita. Oggi la nuova religione dell’antica capitale ecclesiastica della Scozia è il golf. Qui si trovano il Royal & Ancient Golf Club e il campo da golf più famoso del mondo, l’Old Course. La baia è dominata dalle rovine di un castello, a fianco del quale sorgeva un tempo la cattedrale più grande della Scozia, distrutta negli anni della Riforma. Nel centro medievale, un dedalo di acciottolati, concentrato in uno spazio ristretto, si trovano l’antica porta della città, chiese e cappelle, una croce e vari musei. L’università di St Andrews, come le coeve di Oxford e di Cambridge, non è strutturata intorno a un campus e i vari istituti sono sparsi per il centro della città.

Aberdeen
Aberdeen è una straordinaria sinfonia di grigi: tutto, comprese le strade, è di granito. Quando è immersa nel sole e nella pioggia, la città brilla argentea come in una fiaba; se coperta di nuvoloni, invece, può risultare un po’ opprimente. Aberdeen è sorprendentemente pulita perché dominata da un alto senso civico; ospita il porto che serve la piattaforma petrolifera in mare più grande del mondo. Il numero degli abitanti negli ultimi anni è cresciuto, essendo giunti molti lavoratori dell’industria estrattiva e una vivace popolazione studentesca. Nei pressi del porto, sempre trafficato, ci sono un suggestivo mercato del pesce e l’importante museo marittimo. Nei dintorni di Union St, la via principale, trovate l’antica porta Castlegate, la casa tardo-medievale Provost Skene’s House e l’Aberdeen Art Gallery, nella quale sono esposti dipinti pre-raffaelliti e di arte contemporanea.

Regione di Aviemore

La cittadina turistica di Aviemore è il punto di partenza per fare escursioni a piedi e per sciare nel paradiso delle Cairngorm Mountains. In questa regione, che occupa l’unico altopiano glaciale della Gran Bretagna, si concentrano varie specie animali rare come la martora, il gatto selvatico, lo scoiattolo rosso, il falco pescatore (soprattutto intorno al Boat of Garten) e il cervo. Nelle acque cristalline del fiume Spey e nei loch si pratica la pesca del salmone. Il Rothiemurchus Estate e il Glenmore Forest Park sono aree protette di pini e di abeti rossi, che si possono percorrere con visite guidate e che offrono varie opportunità per praticare sport acquatici.